giovedì 17 marzo 2016

Scopriamo di più su Radici Floreali

Radici Floreali rappresenta per noi una scommessa importante: cercavamo un'azienda autenticamente artigianale, con un bel progetto alle spalle, da far conoscere ai nostri clienti e così ci siamo imbattuti in questo piccolo progetto realizzato da una ragazza molto preparata e con un bellissimo sogno nel cassetto.
Oggi vogliamo farvi conoscere meglio questa realtà attraverso l'intervista ad Alessia, l'anima di Radici Floreali, per imparare a conoscerla e a capire meglio cosa si cela dietro ad ogni sua creazione.


- da dove nasce la tua passione per i cosmetici Naturali? 

E da dove nasce il nome della tua linea? Ho sempre desiderato fare qualcosa che mi permettesse di studiare e utilizzare le piante, ma l'idea di produrre cosmetici naturali si è andata definendo solo recentemente. Nel 2012 ho lavorato per un breve periodo in una piccola azienda artigianale di produzione di cosmetici naturali e biologici in Francia e lì sono entrata in contatto con un modo diverso di fare cosmetica, un mondo in cui si incontravano i miei interessi per la natura e la botanica, l'artigianalità e la ricerca. Raccoglievamo le piante direttamente nel giardino dell'azienda e poi le trasformavano per impiegarle nei prodotti come oli o infusi o acque aromatiche o, ancora,  oli essenziali. Questo modo semplice di preparare e formulare cosmetici mi ha affascinato a tal punto che tornata in Italia ho deciso di aprire la mia attività.
Il nome Radici floreali nasce per caso, come spesso accade. Io e il mio compagno (che mi aiuta in questa avventura) cercavamo un nome per la linea e tra tanti che non ci dicevano nulla, Radici floreali ci ha colpito subito. A Emanuele piace perché associa la parola radici, intesa come origine, all'aggettivo floreali, quindi a partire dai fiori, dalla natura; la mia interpretazione combina radici come sostegno e ancoraggio nella tradizione e nella ricerca, a floreali che ha un'accezione più eterea e rimanda alla sfera creativa.

- cosa pensi del panorama cosmetico biologico in Italia? 

Il panorama della cosmetica biologica in Italia è molto variegato e complesso e quindi è difficile definire un quadro univoco. Molte aziende si accostano al biologico per seguire la moda del momento, mentre altre lo fanno perché credono in questa filosofia e così scelgono di creare prodotti di nicchia, selezionando o producendo le materie prime, puntando sui principi attivi e, magari, sacrificando lo skin-feel, la texture, la cascata sensoriale degli oli (aspetti, comunque, tutti validi e ricercati o ricercabili in un cosmetico). Ovviamente io preferisco e sono più orientata alle seconde. Il settore è comunque in forte crescita e un aspetto positivo di tutta quest'attenzione al biologico e al naturale è sicuramente l'incremento della ricerca sulle materie prime e l'attenzione crescente verso le tematiche ambientali.

- da dove provengono le materie prime che utilizzi? 

Le materie prime che scelgo provengono da aziende biologiche nazionali o locali, alcuni estratti li preparo io stessa dalle piante che raccolgo. Ho anche un piccolo distillatore con il quale preparo alcune delle acque aromatiche impiegate (tipo lavanda e rosmarino).

- Qual è il prodotto di cui vai più fiera? 

Sicuramente la crema viso Geranium perché è stata la prima che ho prodotto e ha riscosso subito un discreto successo anche tra gli uomini. E' una crema nutriente e pensata per le pelli mature, quindi la scelta degli oli (borragine ed enotera) e della texture (consistente e idratante) va in questa direzione. Di questo prodotto mi piace molto anche il profumo dato dal solo olio essenziale di geranio. Come in tutta la linea, le profumazioni derivano da oli essenziali naturali e sono scelti per la loro funzione più che per la sola nota olfattiva; l'olio essenziale di geranio rigenera la cute e mitiga i segni del tempo, inoltre, è rilassante e aiuta a ritrovare la serenità a livello mentale, insomma cosa c'è di meglio per chi si vede brutto/a!

- Parliamo del prodotto che ci incuriosisce di più: Prunus - olio trattamento per pelli grasse. Siamo portati a pensare che per le pelli grasse l'olio vada evitato come la peste, e tante ragazze scartano i prodotti con l'olio di mandorle per paura che sia comedogenico, mentre è proprio l'ingrediente base del tuo prodotto specifico per pelli grasse. come mai? 

Quando ho pensato a Prunus olio trattamento viso pelli grasse volevo creare un prodotto specifico per le pelli grasse, ma non una crema. La pelle grassa, di solito, è già stressata e irritata e quindi volevo creare qualcosa di semplice, in cui potevo inserire alcuni principi attivi utili, ma senza introdurre conservanti o fattori di consistenza, obbligatori nel caso di una crema. Gli oli vegetali che ho scelto sono emollienti e idratanti, non hanno certo un tocco asciutto (come tutti gli oli vegetali), ma a loro favore hanno l'eudermicità e l'affinità con i lipidi della pelle. Il principio che mi ha ispirato è quello dell'omeopatia (anche se il paragone può risultare forzato) del simile che cura il suo simile: applicare un olio sulla pelle grassa è come dire alle ghiandole sebacee di ridurre la produzione di sebo perché già fornito dall'esterno. Spesso la pelle grassa è maltrattata, arrossata, con cicatrici e così gli estratti di calendula, iperico e rosmarino sono scelti per attenuare queste manifestazioni. Infine, l'olio di mandorle dolci... so che in rete non è ben visto perché ritenuto comedogenico, ma approfondendo la questione e cercando articoli a supporto della teoria, non ho trovato nessun dato a riguardo. In un vecchio articolo scientifico del 1989 "Comedogenicity and irritancy of commonly used ingredients in skin care product" di J. E. Fulton Jr. pubblicato sul Journal of the Society of Cosmetic Chemists, si legge che in un range da 0 a 5 il fattore di comedogenicità dell'olio di mandorle dolci è 2 (1 per quello raffinato) e il fattore di irritabilità è 0. Inoltre, anche altri studi hanno confermato che il rischio comedogenicità o occlusione dei pori è basso o nullo. Tra gli oli vegetali, inoltre, è uno dei più leggeri, si assorbe velocemente ed essendo ricco di acidi grassi insaturi e polinsaturi, vitamine e sali minerali, è emolliente e lenitivo. Spesso siamo portati a studiare le proprietà di un estratto vegetale basandoci sulle sole molecole costituenti, ma, prendendo in prestito il concetto di fitocomplesso dalla fitoterapia, dobbiamo ricordarci che l'azione di un estratto vegetale non è dato dalla molecola singola ma dall'insieme delle molecole che lo compongono.

- Quale gesto, secondo te, non deve mai mancare in una buona Beauty routine?

In una Beauty routine credo non debba mai mancare l'applicazione di una buona crema corpo. Spesso il corpo passa in secondo piano perché nascosto dai vestiti, ma anch'esso può essere soggetto a irritazioni o disidratazione. Applicare una crema corpo specifica per le esigenze di ognuno/a, magari con un bel massaggio rilassante o tonificante che parta dai piedi e lentamente arrivi fino alle spalle e alle mani, permette di sciogliere tutte le tensioni, di ritrovare la giusta idratazione e di lenire la pelle, così da affrontare il nuovo giorno con ritrovate energie.

- Progetti per il futuro? 

Uno e grande... visto che sto per diventare mamma! Per Radici floreali magari lo sviluppo di una linea specifica per i più piccoli.

Ringraziamo Alessia per il tempo che ci ha concesso e le facciamo i nostri migliori auguri per il bellissimo progetto che porta in grembo.

Speriamo di avervi incuriosito con questa intervista. Ci farebbe davvero piacere ricevere un vostro commento e avere un feedback da chi ha già a vuto modo di provare questi fantastici prodotti.


lunedì 7 marzo 2016

L'8 Marzo per chi non può festeggiarlo


Domani è l'8 Marzo, la Festa della Donna, una giornata istituita per celebrare tutti i sacrifici fatti da milioni di donne per veder equiparare i propri diritti a quelli degli uomini e per vedere riconosciuti i loro meriti ed il loro fondamentale contributo alla società.
Purtroppo questa ricorrenza non può essere festeggiata in tutto il mondo. Ci sono paesi del sud del mondo dove nascere donne è una sventura per la famiglia, dove emanciparsi è quasi impossibile, dove far nascere un figlio è una roulette russa a causa di malattie e malnutrizione.

Quest'anno abbiamo deciso di essere vicini a quelle donne che non possono festeggiare l'8 Marzo devolvendo il 5% del fatturato di questa giornata a due progetti del CIAI a sostegno delle donne nel sud del mondo.

Il CIAI è una onlus con cui abbiamo già collaborato in passato e per cui nutriamo una profonda fiducia, che ha come mission quella di difendere ovunque nel mondo i diritti di ogni bambino e bambina aiutandoli a crescere sviluppando le proprie potenzialità consapevoli dei propri diritti e doveri.

Per questa iniziativa abbiamo scelto due progetti da sostenere:

India - Un futro per le bambine

Purtroppo in alcune zone particolarmente povere dell'india è ancora molto diffusa la pratica dell'infanticidio femminile. Avere un figlio maschio vuol dire avere in futuro una forza lavoro, qualcuno che porterà a casa un reddito e, una volta diventato adulto, si sposerà con una donna che dovrà portare in dote alla famiglia del marito una somma consistente di denaro; di contro avere una figlia femmina vuol dire quasi sempre doverla mantenere accumulando una congrua cifra da dare in dote alla famiglia del marito quando si sposerà e per questo motivo è molto diffuso sia l'aborto selettivo (vengono portate a termine soltato le gravidanze di figli maschi) che l'infanticidio o l'abbandono.
Formare una ragazza in sartoria o tecniche agro alimentari vuol dire garantirle la possibilità di trovarle un lavoro e non essere più un peso per la famiglia
Grazie anche al supporto di CIAI, nel distretto di Usilampatti oggi il fenomeno è scomparso, ma è necessario lavorare per valorizzare il ruolo della donna, offrire formazione professionale alle ragazze e creare opportunità reali di miglioramento economico per i giovani.


Cambogia - Equity



In Cambogia esiste una grande disparità in tema di salute materno-infantile tra le zone urbane e quelle rurali.
Nelle zone rurali il tasso di mortalità infantile è pari a 106/1000 bambini nati vivi e spesso le madri donne incinte non hanno acceso ai servizi sanitari e ad alcuno screening pre-natale.
Il progetto CIAI ha l’obiettivo di prevenire la mortalità infantile e materna nelle zone della Cambogia che registrano le maggiori disparità.
Rafforzare il diritto alla salute di donne incinte e madri nella provincia di Mondulkiri affinché le stesse ed i loro figli (fascia 0-5 anni) possano goderne a pieno titolo con l'acquisto di letti e materassi per i bambini, la formazione di personale infermieristico e la dotazione di strumenti per la diagnosi prenatale.  Il progetto coinvolge più di 14mila bambini.


Aggiornamenti:

Ci eravamo posti un'obiettivo importante, quello di riuscire a donare almeno 200 euro (ovvero ricevere ordini per oltre 4000 euro).
Purtroppo non siamo riusciti a raggiungere l'obiettivo che ci eravamo posti (il totale degli ordini è stato pari a 3059,89 €) ma l'entusiasmo e la gioia che avete dimostrato nel fare vostro questo progetto ci ha spinto a fare un passo in più, quindi abbiamo deciso di donare comunque 200,00 € (100,00 € per ciascun progetto).
Grazie a questo piccolo gesto potremo sostenere la formazione in tecniche di Agro Pastorizia delle ragazze di Usilampatti e potremo pagare lo stipendio per 3 mesi per un infermiere specializzato nella provincia di Mondulkiri.
Piccoli gesti che speriamo possano fare la differenza.

Attendiamo la ricevuta del pagamento per pubblicarla qui!

Vi ricordiamo che è possibile anche contribuire individualmente tramite una donazione collegandosi al sito regalisolidali.ciai.it scegliento "sostieni un progetto".

giovedì 3 marzo 2016

Nuova Tangle Teezer Thick & Curly

Se anche voi vi riconoscete in Merida di Ribelle - The brave (per chi non fosse Cartoon-addicted e non sapesse di chi stiamo parlando, sotto trovate una sua foto) e vi chiedete come domare i vostri capelli RIBELLI, la nuova spazzola Tangle Teezer Thick & Curly è quello che fa per voi!


Vi avevamo già parlato delle meravigliose Tangle Teezer e della loro capacità di districare i capelli senza spezzarli sciogliendo i nodi senza procurare dolore nel post  Goodbye nodi, ma per chi ha i capelli grossi e ricci la normale Tangle Teezer potrebbe non essere sufficiente, mentre le normali spazzole potrebbero bloccarsi a metà strada senza portare a nessun risultato.
La nuova Tangle Teezer Thick & Curly ha denti più lunghi e più spessi rispetto alle Tangle Teezer Tradizionali, ma mantiene la teconologia FERMA-FLEX che permette una pettinatura semplice, efficace e senza dolore.

Vediamo più da vicino la spazzola a confronto con la classica SALON ELITE:


I denti della nuova Thick & Curly sono più lunghi e spessi rispetto alla classi Salon Elite


L'impugnatura è ergonomica


Cosa pensate di questa nuova spazzola?

mercoledì 24 febbraio 2016

Nuove cialde Purobio - informazioni utili

Dopo averci stupito con le bellissime palette di ombretti Skin Tones e Fallen Tones in limited edition, Purobio Cosmetics ha deciso di offrire alle sue clienti le cialde singole degli ombretti aggiungendo due nuove colorazioni.

Trovate tutte le cialde e la palette sul nostro sito seguendo Questo link

In molte ci avete chiesto quale sarebbe stato il diametro delle cialde Purobio (le cialde presenti nelle palette limited edition erano piuttosto piccole) e se sarebbero state compatibili con le palette Neve Cosmetics o con altre marche così, appena ricevuta, abbiamo deciso di fotografarle per voi per darvi qualche indicazione in più:

Le cialde Purobio hanno il fondo in metallo e sono quindi adatte a tutte le palette magnetiche.
Vengono vendute in una graziosa scatolina con astuccio in cartonde da cui è facile rimuoverle per posizionarle in un portacialde

Il diametro delle cialde è di circa 3 cm e sono quindi più piccole rispetto alle cialde Neve che sono da 3,6 cm



Essendo più piccole possono essere posizionate nelle palette portacialde di Neve Cosmetics, ma rimarrà dello spazio libero attorno

Le cialde sono disponibili in 10 colori: gli 8 colori presenti nelle due palette Limited edition più due nuovi colori (09 Carta da zucchero e 10 Grigio) e  di cui vi riportiamo gli swatch ufficiali di Purobio:






Purobio ha realizzato anche una palette magnetica sempre in cartone con astuccio come i singoli porta cialde, ma con lo spazio libero per poterla comporre anche utilizzando cialde di altre marche o deppondo altri ombretti.
La palette è 15,5 c x 9,5 cm ed ha uno spazio magnetico pari a 12 cm x 6 cm ed è quindi strutturata per contenere 8 cialde Purobio.


Se questo post vi è piaciuto vi suggeriamo anche la lettura del post Purobio: Istruzioni per l'uso dove raccogliamo tutti i tutorial e gli swatch proposti da purobio.

Trovate tutte le cialde e la palette sul nostro sito seguendo Questo link


sabato 20 febbraio 2016

Crema Capelli ristrutturante e olio protettivo Biofficina Toscana


Biofficina Toscana inizia il nuovo anno presentandoci 4 novità: due nuovi prodotti studiati per la cura e la protezione dei capelli, e i due nuovi spargi shampoo in versione 100 ml sviluppati a seguito delle critiche costruttive ricevute dopo il lancio della prima versione da 250 ml.

Riportiamo sotto il comunicato stampa dove Biofficina Toscana ci presenta gli ingredienti che stanno alla base delle due interessantissime novità, mentre sotto potrete trovare qualche informazione in più sui nuovi spargishampoo


Altri due nuovi prodotti per capelli firmati Biofficina Toscana: crema capelli ristrutturante e olio protettivo lucidante.
Con questi due nuovi prodotti  in uscita Biofficina Toscana conferma e sviluppa la sua attenzione verso una cura completa e diversificata in base alle esigenze dei capelli, comprendente anche prodotti di styling bio naturale.

Tutti i prodotti della linea Capelli Biofficina Toscana>>

Una linea quindi completa di prodotti per le diverse necessità : dagli ultimi shampoo usciti e pensati per una loro originale personalizzazione, agli amati  balsami  e maschera, alle lozioni dedicate ad uno styling ecobio che abbiamo sentito l’esigenza di sviluppare in modo efficace, avvertendo una mancanza di questa tipologia di prodotti in tale particolare ambito. 

Ci siamo così dedicati ai capelli anche con prodotti di styling bio naturale modellanti, protettivi e rinforzanti grazie a principi brevettati come l’ormai conosciuta e già utilizzata sinergia Uviox®-Oleox® da materie prime bio toscane,  Luminescine® e fitocomplessi  vegetali innovativi tra cui Setol® , un altro principio da materie prime bio toscane brevettato e da noi registrato .
Setol® è una particolare miscela di oli vegetali biologici toscani  (olio di oliva, olio di girasole, olio di lino e olio di vinaccioli ) ad azione antiossidante ed elasticizzante che abbiamo utilizzato per la prima volta nel nuovo olio protettivo lucidante.

Tale principio nasce applicando  agli oli vegetali delle esclusive  tecnologie enzimatiche che trasformano gli oli così trattati in un inedito fitocomplesso e rendono tale miscela più affine con l’acqua con innovative importanti caratteristiche: aumento dell’ assorbibilità, aumento della biodisponibilità, aumento dell’efficacia, aumento del potere antiossidante ed  emulsionante, diminuzione dell’untuosità.

Setol® contiene così in forma libera importanti molecole attive: acido oleico, acido linoleico, acido palmitilico, squalene, acido alfa linolenico, acido gamma linolenico.
Setol® è quindi un efficace principio antiossidante, rinforzante ed elasticizzante per i capelli. Particolari analisi di comparazione svolte tra una miscela comune di oli e un’altra contenente questo principio brevettato  hanno infatti dimostrato un aumento dell’elasticità dei capelli del 53% in più con Setol®.

Con questi due nuove uscite Biofficina conferma così la sua tendenza verso lo studio di prodotti per capelli innovativi nella loro tipologia, nel loro utilizzo e nella  formulazione con l’utilizzo di nuovi efficaci principi brevettati da materie prime bio toscane per una continua e specifica caratterizzazione dei nostri cosmetici! 

Le due novità saranno in promozione col 10% di sconto fino al 29 Febbraio.


Dopo l'uscita, la scorsa primavera, della linea "il mio shampoo" che prevedeva 4 shampoo super concentrati, 4 idrolati di altissima qualità e due spargi shampoo per diluire gli shampoo facendoli lavorare in sinergia con gli irdolati, Biofficina Toscana ha ricevuto diverse domande e alcune critiche sull'uso di questi ultimi.

Gli spargi shampoo biofficina classici sono da 250 ml e sono pensati per preparare un flacone di shampoo da usare nell'arco di un paio di settimane o più, ma molte utenti preferiscono preparare lo shampoo di volta in volta ( o al messimo per un apio di applicazioni) avendo modo di bilanciare al momento gli ingredienti in base alle esigenze.

I nuovi spargishampoo sono da 100 ml e prevedono un rapporto di 30 ml di shampoo, 20 ml di idrolato e 50 ml di acqua.


La nuova confezione ha anche un tappo più pratico senza parti che si staccano (per aprirlo e permettere le'rogazione è sufficiente ruotarlo leggermente) e risulta quindi molto pratico anche in doccia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...